Il fallimento è buono per il successo

il fallimento è buono per il successo legge di attrazione official

Il fallimento è buono per il successo

La vittoria più dolce è quella più difficile. Quello che ti richiede di entrare nel profondo, di combattere con tutto quello che hai, di essere disposto a lasciare tutto là fuori sul campo di battaglia, senza sapere, fino a quel momento di morte, se il tuo eroico sforzo sarà abbastanza. La società non premia la sconfitta e non troverai molti fallimenti documentati nei libri di storia.

Le eccezioni sono quei fallimenti che diventano trampolini di lancio per il successo successivo. È il caso di Thomas Edison, la cui invenzione più memorabile è stata la lampadina, che presumibilmente gli ha richiesto 1.000 tentativi prima di sviluppare un prototipo di successo. Come ti è sembrato fallire 1.000 volte? Chiese un giornalista. Non ho fallito 1.000 volte, ha risposto Edison. La lampadina è stata un’invenzione con 1.000 gradini.

A differenza di Edison, molti di noi evitano la prospettiva di un fallimento. In effetti, siamo così concentrati sul non fallire che non miriamo al successo, accontentandoci invece di una vita di mediocrità. Quando facciamo passi falsi, li sorvoliamo, modificando selettivamente i calcoli errati o gli errori nel curriculum della nostra vita.

“Il fallimento non è un’opzione”, ha riferito il controllore di volo della NASA Jerry C. Bostick durante la missione per riportare sulla Terra l’Apollo 13 danneggiato, e da allora quella frase è stata impressa nella memoria collettiva. Per molti nella nostra società guidata dal successo, il fallimento non è solo considerato una non opzione, ma è considerato una carenza. Di tutte le cose di cui ci sbagliamo, questa idea di errore potrebbe essere in cima alla lista. È il nostro meta errore: ci sbagliamo su cosa significhi essere sbagliato. Lungi dall’essere un segno d’inferiorità intellettuale, la capacità di sbagliare è cruciale per la cognizione umana.

Il fallimento è il più grande insegnante della vita

Quando osserviamo più da vicino i grandi pensatori nel corso della storia, la volontà di affrontare il fallimento non è affatto un pensiero nuovo o straordinario. Da artisti del calibro di Agostino, Darwin e Freud ai Maverick aziendali e alle leggende dello sport di oggi, il fallimento è uno strumento potente come qualsiasi altro nel raggiungere un grande successo.

Il fallimento e la sconfitta sono i più grandi maestri della vita [ma] purtroppo, la maggior parte delle persone, e in particolare le culture aziendali conservatrici, non vogliono andarci, assumersi rischi, sbagliare e pensare in grande. Invece scelgono di giocare sul sicuro, di volare sotto il radar, ripetendo le stesse scelte sicure ancora e ancora. Operano nella convinzione che se non fanno onde, non attirano l’attenzione; nessuno urlerà loro per aver fallito perché in genere non tentano mai nulla di eccezionale in cui potrebbero fallire (o riuscire).

Tuttavia, nell’odierna economia post-recessione, alcuni datori di lavoro non stanno più evitando il fallimento, ma lo stanno abbracciando. Secondo un recente articolo su BusinessWeek, molte aziende stanno cercando deliberatamente quelli con track record che riflettono sia il fallimento che il successo, credendo che coloro che sono stati in trincea, sono sopravvissuti alla battaglia e sono usciti dall’altra parte hanno un’esperienza insostituibile e perseveranza.

La strada più rapida per il successo è di avere un atteggiamento verso il fallimento di nessuna paura.

Sono veterani del fallimento. La scuola di pensiero prevalente in aziende progressiste è che il grande successo dipende da un grande rischio e il fallimento è semplicemente un sottoprodotto comune. I dirigenti di tali organizzazioni non piangono i loro errori, ma invece li dividono in guadagni futuri. La strada più rapida per il successo è di avere un atteggiamento verso il fallimento di “nessuna paura”. Per svolgere bene il proprio lavoro, avere successo e mantenere le proprie aziende competitive, leader e lavoratori in prima linea devono sporgere il collo di un miglio ogni giorno.

Devono offrire idee, piani, presentazioni rischiosi, spigolosi, rivoluzionari, consigli, tecnologia, prodotti, leadership, fatture e altro ancora. E devono consegnare tutto questo senza paura, senza alcuna paura di fallimento, rifiuto o punizione.

Raggiungere il tuo potenziale

Lo stesso vale per le ricerche personali, sia nel superare una sfida specifica o nel raggiungere il tuo pieno potenziale in tutti gli aspetti della vita. Per raggiungere il tuo meglio personale, raggiungere altezze senza pari, rendere possibile l’impossibile, non puoi temere il fallimento, devi pensare in grande e devi spingerti. Quando pensiamo alle persone con questa mentalità, immaginiamo i temerari, i pionieri, gli inventori, gli esploratori: abbracciano il fallimento come un passo necessario verso un successo senza precedenti. Ma non devi camminare sul filo del rasoio, scalare l’Everest o curare la poliomielite per utilizzare questa mentalità nella tua vita.

Quando le ricompense del successo sono grandi, abbracciare possibili fallimenti è la chiave per affrontare una varietà di sfide, sia che tu ti stia reinventando avviando una nuova attività o permettendoti di fidarti di un’altra persona per costruire una relazione più profonda. Per raggiungere qualsiasi obiettivo degno, è necessario correre dei rischi. Decidi se l’obiettivo vale i rischi. Se lo è, smetti di preoccuparti. Naturalmente, i rischi che si assumono dovrebbero essere calcolati; non dovresti volare alla cieca nella notte e sperare semplicemente nel meglio. Raggiungere l’obiettivo o almeno intraprendere uno sforzo eroico richiede preparazione, pratica e consapevolezza delle proprie capacità e talenti.

Allontanarsi in una mentalità impavida

Uno dei più grandi segreti del successo è operare all’interno della tua zona di forza ma al di fuori della tua zona di comfort. Anche se potresti fallire incredibilmente, potresti avere incredibilmente successo, ed è per questo che sono necessari un rischio e un coraggio incredibili. A ogni modo, imparerai più che mai sui tuoi punti di forza, i tuoi talenti e la tua risolutezza e rafforzerai la tua volontà per la prossima sfida. Se questo sembra un territorio pericoloso, può essere. Ma ci sono modi per facilitare questa mentalità senza paura. Credenze limitanti.

Mantenere un atteggiamento positivo

Il primo è quello di mantenere consapevolmente un atteggiamento positivo in modo che, indipendentemente da ciò che incontri, sarai in grado di vedere le lezioni dell’esperienza e continuare a spingere in avanti. È vero che non tutti sono positivi per natura, come qualcuno che si definirebbe una persona negativa per natura.  Prima ha fatto una scelta: sceglie continuamente di avere un atteggiamento positivo.

Devi continuare a trovare modi migliori per condurre la tua vita, o qualcuno prenderà ciò che hai realizzato, migliorerà e sarà molto soddisfatto dei risultati. Continua ad andare avanti o muori.

Prendi un appuntamento con me, assieme troviamo la strada idonea. Contatti.

Contatti

Disponibile in tutta Italia.
Dal Lunedì alla Domenica
Dalle ore 8:00 alle 21:00
Francesco Cel: +39 3475765540

Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram

I pensieri sono energia.

La tua vita non dipende dagli altri. Dipende dalla tua capacità di padroneggiare i tuoi pensieri!
Attrazione